Saponaria, conosci questa utilissima radice?

in Erboristeria il 10/10/2019 . 0 Commenti.

​La saponaria è una pianta spontanea della famiglia delle Caryophyllaceae, che comprende oltre trenta varietà, tra cui anche il garofano. Il nome fa riferimento alle proprietà detergenti e medicinali della pianta, ben note fin dall'antichità. La saponaria, infatti, veniva impiegata per lavare i tessuti e per le sue proprietà terapiche.

Questa pianta si trova in Europa, ma anche in America settentrionale. Cresce fino a 1600 metri d'altitudine.

Principi attivi e proprietà della saponaria

I principi attivi della saponaria sono:

  • Saponine: specialmente acido quillaico
  • Resina vegetale
  • Mucillagini
  • Flavonoidi
  • Vitamina C
  • Vitamina E
  • Gomma
  • Vitessina
  • Acido glicerico
  • Acido glicorico
  • Galattani
  • Olio essenziale

La saponaria possiede proprietà:

  • Diuretiche: migliora la ritenzione idrica
  • Colagoghe: che agevolano la produzione e l'escrezione della bile
  • Diaforetiche: che favoriscono la sudorazione
  • Depurative: migliora, infatti, il metabolismo

Effetti collaterali e tossicità della saponaria

Un uso interno eccessivo potrebbe, tuttavia, dare luogo a fenomeni di intossicazione. Assunta per via orale, infatti, la saponaria è tossica, con sintomi quali nausea, vomito e diarrea. Ad uso topico, invece, l'estratto di saponaria può provocare irritazione cutanea o delle mucose. Infine, iniettati, i principi attivi di saponaria potrebbero generare convulsioni, infiammazione a carico dei reni, emolisi (distruzione dei globuli rossi) e diarrea ematica; i sintomi possono degenerare fino a indebolire o paralizzare i muscoli, generare bradicardia e altre problematiche legate ad una depressione cardiocircolatoria e, nei casi più gravi, indurre addirittura la morte. Questo, tuttavia, solo nel caso in cui l'utilizzo di questa pianta sia davvero spropositato.

Usi della saponaria per la salute

Nell'antichità, la saponaria veniva utilizzata dagli arabi per curare lebbra, dermatiti e ulcere. Ancora oggi, la sua tintura madre e la radice vengono largamente utilizzate per curare:

  • Acne
  • Psoriasi
  • Herpes simplex
  • Ritenzione idrica
  • Gotta
  • Stipsi
  • Reumatismi
  • Catarro: poiché rende la secrezione bronchiale più abbondante e fluida
  • Fragilità dei capelli

In commercio è possibile trovare facilmente la radice di saponaria con la quale poter preparare tisane molto benefiche.

Altri utilizzi della saponaria

Dalla saponaria si ricava anche un detergente delicato per l'igiene personale e per le stoffe. Il detergente della pianta viene talvolta utilizzato anche nel restauro dei libri. La saponaria possiede questo nome perché, grazie al suo alto contenuto di saponine, a contatto con l'acqua ha una reazione simile al sapone.

Chiedi al tuo farmacista informazioni ulteriori su questa particolare e benefica pianta officinale.

Tags: piante, erboristeria, saponaria Ultimo aggiornamento: 10/10/2019

Commenti

Lascia un commento

Scrivi una risposta

* Nome:
* E-mail: (Non pubblicata)
   Sito web: (Indirizzo con http://)
* Commento: