Spedizione gratuita in Italia - ordine minimo 24,90€

Come avere un intestino sano

Come avere un intestino sano
13 set 2022

Scopri come mantenere l’intestino sano e perfettamente funzionante.

Indice

  1. A cosa serve l'intestino?
  2. Come capire se l'intestino è in buona salute?
  3. Come fare per pulire l'intestino
  4. Cosa mangiare per far funzionare bene l'intestino?
  5. Importanza della flora batterica
  6. Prodotti consigliati

La salute dell'intestino influisce sul sistema immunitario, sulla salute mentale e sul benessere in generale del corpo.

Quando hai un intestino sano, un buon equilibrio di batteri intestinali è in grado di digerire e assorbire correttamente i nutrienti. Tuttavia, quando c'è uno squilibrio, questo può innescare sintomi gastrointestinali indesiderati. 

A cosa serve l'intestino?

Noto anche come sistema digestivo o gastrointestinale, l’intestino digerisce i cibi assunti, ne assorbe i nutrienti e li usa per alimentare e mantenere il corpo.

Quest’organo gioca un ruolo enorme nella salute e nel nostro benessere. In stretta comunicazione con il cervello, influenza anche una serie di fattori, tra cui l'attività immunitaria, le contrazioni muscolari gastrointestinali e la secrezione di liquidi. Oltre ad essere un attore chiave nel sistema immunitario del corpo: oltre il 70% delle cellule immunitarie risiede in questa parte dell’apparato digerente.

Come capire se l'intestino è in buona salute?

La salute dell'intestino può essere influenzata da molteplici fattori: dalla dieta e dai livelli di stress alle allergie, fino alle condizioni digestive. Per mantenere al meglio il tuo sistema intestino e il suo funzionamento, è importante riconoscere i segni di un sistema digestivo sano.

Nonostante ciascun corpo sia diverso, ci sono alcuni sintomi comuni a cui prestare attenzione. Questi possono infatti indicare un corretto funzionamento dell’intestino.

Innanzitutto, tenere traccia dei movimenti intestinali è un buon modo per tenere sotto controllo la sua salute. Un’evacuazione da tre volte al giorno a tre volte a settimana può essere considerata normale.

Anche la forma, il colore e la consistenza sono indicatori importanti. I movimenti intestinali sani dovrebbero essere lisci, sodi e facili da evacuare.

Digerire il cibo richiede inoltre molta energia. Se il sistema digestivo non funziona correttamente, potresti sentirti più affaticato, mentre il tuo corpo cerca di compensare questo squilibrio.

Infine, il passaggio di gas durante il giorno è del tutto normale e generalmente non è motivo di preoccupazione. Il gas è una parte naturale del processo digestivo e il rilascio ne impedisce l'accumulo nell'intestino o nello stomaco.

Quello in eccesso può causare dolore addominale, disagio e gonfiore, problema comune per le persone che mangiano troppi alimenti che producono gas, come fagioli, amido e lattosio. Tuttavia, possono causarlo anche infezioni intestinali, disturbi digestivi e l’assunzione di determinati farmaci.

Come fare per pulire l'intestino

Dare la priorità alla salute dell'intestino può fare molto per migliorare il benessere generale.

Entrare in una routine di esercizio regolare è un ottimo modo per aiutare a sostenere una sana digestione. L'attività fisica rafforza il diaframma e la parete addominale e aumenta l’afflusso sanguigno ai muscoli dell'apparato digerente. Poiché il colon risponde al movimento, questo può aiutare ad alleviare la stitichezza e riportare i movimenti intestinali alla regolarità.

Anche dormire a sufficienza è essenziale per mantenere la salute sia digestiva che generale. Dormire almeno sette ore ogni notte consente al tuo corpo di ridurre la produzione di cortisolo, un ormone dello stress che può interferire con i batteri intestinali sani.

Mangiare i cibi giusti può inoltre migliorare radicalmente la pulizia dell'intestino.

Cosa mangiare per far funzionare bene l'intestino?

Limitare gli alimenti ricchi di grassi saturi, zucchero e sale aiuta a sostenere dei batteri intestinali sani e ridurre il rischio di sviluppare problemi di digestione. Se hai un'allergia o una sensibilità alimentare, cerca di evitare cibi e bevande che scatenano sintomi negativi.

Per far funzionare bene l’intestino, prova ad integrare nella tua dieta alcuni di questi alimenti:

  • Pane e pasta integrale
  • Legumi
  • Verdure a foglia
  • Avena e orzo
  • Carni magre (tacchino, pollo e pesce)
  • Banane
  • Avocado
  • Yogurt, insieme ad altri alimenti ricchi di probiotici

Se mangi molti alimenti fritti o trasformati, prova a sostituirli con cibi ricchi di fibre e probiotici. Le fibre possono ridurre la stitichezza e migliorare il tempo di transito intestinale, mentre i probiotici supportano l'equilibrio dei batteri sani nell'intestino.

Importanza della flora batterica

Per flora (o microbiota) intestinale si intende l'insieme dei batteri presenti nel tratto digerente, per lo più l'intestino. Si tratta di oltre 40mila miliardi di batteri buoni, virus, funghi e protozoi che, comunicando tra loro, agiscono come se fossero un unico organismo e svolgono alcune funzioni importanti per la salute.

Svolge diverse funzioni, tra cui:

  • Facilitare la digestione e il corretto assorbimento dei cibi
  • Produrre alcune vitamine importanti come la vitamina K e B12
  • Prevenire disturbi intestinali come sindrome del colon irritabile, diarrea e stitichezza
  • Stimolare le difese immunitarie, tenendo lontani i microbi patogeni.

Un’alterazione (Disbiosi) può modificare il nostro stato di salute, non solo quello dell’intestino, ma anche quello di altri organi. Quando diminuiscono i batteri probiotici, infatti, si interrompe l’equilibrio della flora batterica e aumentano i batteri patogeni. Questi sono molto pericolosi per l’organismo, poiché hanno la capacità di attaccare altri organi, provocando diverse complicazioni.

I disturbi più comuni che indicano un’alterazione della flora intestinale sono:

  • Cattiva digestione, gonfiore addominale, stitichezza, diarrea, meteorismo, nausea e vomito
  • Infezioni vaginali
  • Disturbi del sonno o dell’umore e la predisposizione alle infezioni
  • Reazioni allergiche e malattie autoimmuni, sintomi di disfunzioni nel sistema immunitario
  • Patologie intestinali come diverticoli, morbo di Crohn e, nei casi più gravi, tumori nell’apparato digerente.

Prodotti consigliati

Per riequilibrare la flora batterica intestinale, oltre a mantenere uno stile di vita sano, l’assunzione di integratori alimentari specifici può rappresentare un valido aiuto.

PROFLORA PROBIOTICI 30 BUSTINE

Prodotto dall’azienda GUNA SpA, PROFLORA PROBIOTICI è un integratore adatto a garantire e migliorare la salute intestinale. Contiene probiotici in grado di riequilibrare la flora batterica squilibrata da fattori alimentari, psicologici o dalla prolungata assunzione di antibiotici o medicinali.

Questa vasta gamma di batteri vivi, contenuti in 30 pratiche bustine, fornisce un sostegno completo, rapido ed efficace per la flora intestinale. Favorisce anche il metabolismo autonomo della flora batterica, liberando contemporaneamente l’organismo dai potenziali ospiti patogeni e ampliando l’assunzione di sostanze nutritive e sali minerali.

PROFLORA PROBIOTICI 10 BUSTINE

Ideale per risolvere disturbi gastrointestinali, da un grado lieve a moderato, PROFLORA PROBIO 10 BUSTINE è caratterizzato da un mix di probiotici e prebiotici.

I primi sono fermenti lattici vivi che forniscono supporto nutritizio alla flora batterica autoctona, aiutandola a ristabilirsi da malattie quali il malassorbimento e la diarrea. I frutto-oligosaccaridi forniscono invece nutrimento ai probiotici ed alla flora intestinale autoctona.

Tag intestino sano, come pulire l'intestino, alimentazione per intestino sano, flora batterica, intestino sano rimedi farmacia